giovedì 27 novembre 2008

sorella del mio cuore

Chitra Baneriee Divakaruni
Mi piace molto questa scrittrice di origini benalesi. Avevo letto “la maga delle spezie” e mi aveva affascinato il suo modo di sentire e di esprimersi.
Adesso ho appena finito di leggere un altro suo libro “sorella del mio cuore”, che mi ha accompagnato in un mondo lontano, che mi ha fatto davvero compagnia in questi giorni. Il potere salvifico della lettura e dell’evasione. Avrei preferito un finale diverso, però.
I personaggi e le atmosfere sono indimenticabili.
Voglio dedicarlo all’amica che avrei tanto voluto avere, che ognuna di noi vorrebbe avere.
Gouri Ma
“Tra tutte le stanze di questa dimora sul punto di crollare sotto gli assalti del tempo e dei ricordi quella di Gouri Ma è per me la più misteriosa. E’ sempre stata il suo rifugio, il solo luogo che potesse offrirle riparo quando si sentiva stanca delle nostre liti, delle animate discussioni, dell’interminabile sequela dei conti da pagare. In una vita vissuta soprattutto per gli altri era questo l’unico luogo che potesse chiamare suo. Talora a tarda notte dalla porta chiusa trapelavano le note di una melodia suonata sul sitar, o si effondeva il lieve sentore dell’incenso di rosa, così dolce e puro da farmi desiderare di esserne sommersa.”
Ashok e Sudha
“Se un uomo ed una donna si guardano negli occhi come era successo a noi, narrano le antiche leggende, le loro anime si uniscono. Lo sguardo è una corda d’oro che lega l’uno all’altra. Anche se i due in seguito non si incontreranno più, porteranno sempre con sè qualcosa dell’altro. Non riusciranno mai a dimenticare, e non potranno più essere del tutto felici.
Per questo nelle famiglie fedeli alle antiche tradizioni alle ragazze non era consentito conoscere alcun uomo fino al momento dell’incontro propizio, lo shubho drishiti, quando lo sposo e la sposa si donano l’uno all’altra attraverso gli occhi. Non per mantenere le donne nell’ignoranza e nella sottomissione. Gli anziani, nella loro saggezza, lo facevano per evitare che morissero di crepacuore.”

2 commenti:

lefrancbuveur ha detto...

avevo letto anch'io la maga delle spezie: bello!

marcella candido cianchetti ha detto...

qi broccoli debbono essere fritti,leggi non troppo ,ho postato e sperimentata oggi,certo mi sono dovuta accontentare di sgombri,ma di necessita si fà virtù ciao ciao

una foto che mi piace molto

una foto che mi piace molto
penso sia di erwitt